Chiudi finestra
Nome Utente


Password


home / news / dettaglio news

Tutte le news

CERCA NELLE NEWS Lente


Categoria


Cerca per parola chiave


Cerca per data
dal Data
al Data




     

Federico, 32 anni, ci racconta la professione dell'OSS

Una professione molto richiesta in ambito assistenziale è quella dell’operatore socio-sanitario (OSS), qualifica che Federico Ruzzier, 32 anni, ha conseguito nel 2021 grazie ad un percorso formativo a Trieste, con l'ente di formazione Enaip FVG, finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia. Qualifica che gli ha permesso non solo di raggiungere una stabilità lavorativa, ma anche di decidere dove lavorare e di “mettere su casa” insieme alla fidanzata in Veneto (ora è occupato a tempo indeterminato in una residenza per anziani ad Agordo).

Laureato in scienze tecnologiche per l’ambiente e la natura, Federico non sente la spinta a completare gli studi universitari dopo la triennale, e questo lo limita nella possibilità di partecipare a concorsi in ambito forestale o come guida naturalistica. Non trovando sbocchi nel settore in cui si è laureato, lavora nella ristorazione, come barista, aiuto cuoco, come stagionale nel turismo in montagna.

Poi arriva la pandemia, e le opportunità nel settore ristorazione diminuiscono. “Sono venuto a conoscenza dei corsi per OSS e ho pensato che era l’occasione di ritornare al mio primo amore: avevo infatti frequentato l’Istituto Deledda con indirizzo biologico-sanitario e già dopo il diploma ero stato indeciso se scegliere scienze infermieristiche all’università” racconta Federico.

 

Durante il corso OSS, si mette alla prova sul campo, in particolare grazie al tirocinio svolto prima alla casa di riposo Ieralla, poi al reparto chirurgia vascolare dell’Ospedale Cattinara e infine al Centro di salute mentale.

Ho potuto così capire se ero davvero portato per questo lavoro” racconta Federico. “Ho scoperto lati di me che non conoscevo, risorse che non pensavo di avere. Per esempio, ero intimorito dal contatto con il sangue, ma all’ospedale di Cattinara i miei tutor sono riusciti ad appassionarmi tanto al mestiere da farmi superare anche questa difficoltà. Assistere le persone malate può diventare emotivamente molto duro, ma la possibilità di dare conforto e gioia alla persona sofferente è motivo di grande soddisfazione”.

 


   

 

La Regione finanzia ogni anno i corsi per ottenere la qualifica di operatore sanitario, attraverso il Fondo Sociale Europeo, il principale strumento dell’UE per sostenere l'occupazione e assicurare opportunità lavorative più eque per tutti i cittadini.

Per conoscere i prossimi corsi in partenza



Allegati della news

<< indietro