Chiudi finestra
Nome Utente


Password


home / news / dettaglio news

Tutte le news

CERCA NELLE NEWS Lente


Categoria


Cerca per parola chiave


Cerca per data
dal Data
al Data




     

Nuovi contributi ai liberi professionisti

Lo svolgimento delle professioni, e soprattutto l'avvio di nuove attività tanto in forma individuale che associata e societaria, sono l'oggetto di due regolamenti della Regione Friuli Venezia Giulia entrati in vigore il 29/10/2015.


Nel complesso la Regione mette a disposizione, per il 2015, 380mila euro al fine di sostenere, nei primi tre anni, da un lato i prestatori di attività ordinistiche e non ordinistiche che iniziano un'attività professionale individuale (300mila euro) e dall'altro l'avvio di forme associate e societarie (80mila euro).

 

A partire dunque dal 29/10/2015, è possibile presentare domanda per ottenere contributi a fondo perduto per le spese di avvio e funzionamento dei primi tre anni di attività professionale in forma individuale, associata, e societaria. I due regolamenti ampliano la rosa delle spese ammesse, elevano la percentuale contributiva e ridefiniscono il limite massimo e quello minimo di spesa. 

 

NB. Se hai già beneficiato del contributo, ma rientri ancora nel primo triennio di attività professionale, puoi presentare domanda di contributo sul nuovo regolamento fino al raggiungimento del limite massimo contributo. 


Gli interventi contributivi sono rivolti a professionisti ordinistici, iscritti ad ordini e collegi, e a professionisti non ordinistici, iscritti ad un'associazione inserita nel Registro regionale delle associazioni dei prestatori di attività professionali non ordinistiche o ad una associazione inserita nell'Elenco delle associazioni professionali che rilasciano l'attestato di qualità, pubblicato dal MISE - Ministero delloSviluppo Economico.


Inoltre, tra i beneficiari dell'intervento contributivo rivolto alle forme associate e societarie, sono state inserite anche le STP-Società tra professionisti.


Per l'attività individuale è invece prevista, ai fini delconteggio del triennio, la riformulazione della figura del libero professionista che ha lavorato presso altri studi e decide di avviarne uno proprio, o che ha intrapreso una diversa attività professionale e ha quindi variato il Codice ATECO - Codice diclassificazione delle attività economiche.


Per dare la possibilità ad ognuno di reinvestire sulla propria professionalità all'avvio dell'attività non sono stati posti limiti di età.

 
La domanda di contributo potrà essere presentata per due volte nell'arco del triennio ed è previsto il riconoscimento dell'IVA quale spesa ammissibile per tutte le attività professionali che abbiano l'IVA indetraibile.

 

Per avere maggiori informazioni e sapere come presentare domanda vai alla pagina dedicata sul nostro sito



Allegati della news

Fonte della news

Servizio innovazione e professioni Regione FVG

<< indietro