Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Chiudi finestra
Nome Utente


Password


home / Lavoro / Liberi professionisti / Contributi per conciliazione lavoro/famiglia

Contributi per conciliazione lavoro/famiglia

Interventi della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
ultima modifica 05-05-2015

La Regione FVG, al fine di conciliare le esigenze della professione con quelle della maternità e della paternità concede un contributo a fondo perduto ai liberi professionisti per:

  • accertata gravità o complicanza della gestazione (riservato alle madri) 
  • nascita di un figlio

Il contributo a fondo perduto  permette alla libera professionista neo-mamma o al libero professionista neo-papà di farsi sostituire oppure di farsi supportare da un collaboratore di sua fiducia per un periodo massimo di 6 mesi, anche frazionabili, entro i primi tre anni di vita del bambino.

La Regione concede a questo scopo un contributo pari al 50% del compenso percepito dal collaboratore che sostituisce/supporta la neo-mamma o il neo papà

Per la madre, è' prevista la sostituzione/collaborazione anche nel caso di  accertata gravità o complicanza della gestazione   per il periodo che va dal rilascio del certificato di obbligo di astensione dal lavoro della madre fino a 2 mesi prima della data presunta del parto. 

Le agevolazioni possono essere richieste anche in caso di adozione o affidamento di un figlio e devono essere fruite entro 3 anni dalla data di ingresso in famiglia.

E’ prevista l’elevazione del periodo e della percentuale contributiva in caso di nascita di un figlio con handicap grave.


Per maggiori info:

Sito Regione FVG: Tutela della maternità e della paternità

Servizio innovazione, professioni e politiche giovanili
Via San Francesco, 37 - TRIESTE
tel. 040 377509/7/8

innovazione@regione.fvg.it
antonella.canelli@regione.fvg.it
sabina.verzier@regione.fvg.it


Per presentare domanda:

La domanda deve essere presentata anteriormente alla data di inizio dell'incarico di sostituzione o di collaborazione.  Per le modalità di presentazione della domanda, rivolgersi al Servizio innovazione, professioni e politiche giovanili (vedi contatti sopra).